18.12.2021 - Lo STATUTO dei diritti DEL CONTRIBUENTE

NORMATIVA

www.altex.com - Il testo dello Statuto del contribuente (Legge 27 luglio 2000, n. 212) aggiornato con le modifiche apportate, da ultimo, dal D.L. 30 aprile 2019, n. 34, convertito con modificazioni dalla L. 28 giugno 2019, n. 58.

 


RASSEGNA STAMPA

Ordine dei dottori commercialisti di Milano - I Quaderni della scuola di alta formazione numero 2/2007


Art. 10.  (Tutela dell'affidamento e della buona fede. Errori del contribuente) 
 
1. I rapporti tra contribuente e amministrazione finanziaria sono improntati al principio della collaborazione e della buona fede. 

2. Non sono irrogate sanzioni né richiesti interessi moratori al contribuente, qualora egli si sia conformato a indicazioni contenute in atti dell'amministrazione finanziaria, ancorché successivamente modificate dall'amministrazione medesima, o qualora il suo comportamento risulti posto in essere a seguito di fatti direttamente conseguenti a ritardi, omissioni od errori dell'amministrazione stessa. 

NO ALLE SANZIONI IN CASO DI INCERTEZZA NORMATIVA O IN PRESENZA DI  ERRORI FORMALI

3. Le sanzioni non sono comunque irrogate quando la violazione dipende da obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull'ambito di applicazione della norma tributaria o quando si traduce in una mera violazione formale senza alcun debito di imposta; in ogni caso non determina obiettiva condizione di incertezza la pendenza di un giudizio in ordine alla legittimità della norma tributaria . Le violazioni di disposizioni di rilievo esclusivamente tributario non possono essere causa di nullità del contratto.


RASSEGNA STAMPA

NO ALLE SANZIONI IN CASO DI INCERTEZZA NORMATIVA O IN PRESENZA DI  ERRORI FORMALI

3. Le sanzioni non sono comunque irrogate quando la violazione dipende da obiettive condizioni di incertezza sulla portata e sull'ambito di applicazione della norma tributaria o quando si traduce in una mera violazione formale senza alcun debito di imposta; in ogni caso non determina obiettiva condizione di incertezza la pendenza di un giudizio in ordine alla legittimità della norma tributaria . Le violazioni di disposizioni di rilievo esclusivamente tributario non possono essere causa di nullità del contratto.

ItaliaOggi  10/1/2022

Sentenza della cassazione 40695 del 20 dicembre 2021.

Le sanzioni sono comunque dovute se sulla questione si sono già espressi la Cassazione, il ministero dell'economia e delle finanze, con circolare anche se ci sono dei contrasti tra i giudici di merito.