11.01.2022 - www.incentivi-gov.it - La nuova piattaforma del governo con tutti gli incentivi per le imprese, attiva dal 2022

https://www.incentivi.gov.it/


RASSEGNA STAMPA

Incentivi.gov: presto online tutte le misure per le imprese (www.pmi.it - 10/1/2022)


NORMATIVA

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO
DECRETO 30 settembre 2021  

Criteri per lo sviluppo e il funzionamento della piattaforma
telematica «Incentivi.gov.it». (21A07703)

(GU n.1 del 3-1-2022)
 
IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto l'art. 18-ter del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34,
convertito, con modificazioni, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58, che
istituisce presso il Ministero dello sviluppo economico la
piattaforma telematica denominata «Incentivi.gov.it»;
Visto il decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, convertito, con
modificazioni, dalla legge 11 settembre 2020, n. 120 e, in
particolare, l'art. 39-bis del medesimo decreto-legge, che ha
apportato modifiche alla precitata disciplina istitutiva della
piattaforma;
Viste le disposizioni del citato art. 18-ter del decreto-legge 30
aprile 2019, n. 34, che individuano i contenuti della piattaforma e,
in particolare:
a) il comma 1-bis, che destina la piattaforma alla promozione
della conoscenza di tutte le misure di incentivazione e dei programmi
di finanziamento gestiti dal Ministero dello sviluppo economico e a
migliorare la trasparenza e la comprensione delle procedure di
accesso e di erogazione degli incentivi;
b) il comma 2, che prevede che una sezione della piattaforma e'
dedicata alle informazioni relative alle misure di sostegno al
tessuto produttivo gestite dalle altre amministrazioni pubbliche
centrali e locali di cui all'art. 1, comma 2, del decreto legislativo
30 marzo 2001, n. 165, ed e' alimentata attraverso
l'interoperabilita' con il Registro nazionale degli aiuti di Stato;
Visto, altresi', il comma 3 del medesimo art. 18-ter, che prevede
che alle spese per lo sviluppo della piattaforma si provvede
attraverso l'impiego di quota parte delle risorse, fino a un
ammontare massimo di 2 milioni di euro, a valere sui fondi del
programma operativo nazionale «Governance e capacita' istituzionale»
2014-2020;
Visto il combinato disposto dell'art. 18-ter, comma 6, del
decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34 e dell'art. 39-bis, comma 2, del
decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, ai sensi del quale le
disposizioni necessarie per l'attuazione della disciplina istitutiva
della piattaforma, ivi incluse le modalita' per assicurarne
l'interoperabilita' con il Registro nazionale degli aiuti di Stato di
cui all'art. 52 della legge 24 dicembre 2012, n. 234, sono definite
con decreto del Ministro dello sviluppo economico;
Visto l'art. 52 della legge 24 dicembre 2012, n. 234 e successive
modifiche e integrazioni, che prevede, tra l'altro, che, al fine di
garantire il rispetto dei divieti di cumulo e degli obblighi di
trasparenza e di pubblicita' previsti dalla normativa europea e
nazionale in materia di aiuti di Stato, i soggetti pubblici o privati
che concedono ovvero gestiscono i predetti aiuti trasmettono le
relative informazioni alla banca dati, istituita presso il Ministero
dello sviluppo economico ai sensi dell'art. 14, comma 2, della legge
5 marzo 2001, n. 57, che assume la denominazione di «Registro
nazionale degli aiuti di Stato»;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto
con il Ministro dell'economia e delle finanze e con il Ministro delle
politiche agricole alimentari e forestali 31 maggio 2017, n. 115,
«Regolamento recante la disciplina per il funzionamento del Registro
nazionale degli aiuti di Stato, ai sensi dell'art. 52, comma 6, della
legge 24 dicembre 2012, n. 234 e successive modifiche e
integrazioni»;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante «Norme
generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle
amministrazioni pubbliche»;
Vista la decisione della Commissione europea C(2015) del 23
febbraio 2015, n. 1343 concernente l'approvazione del Programma
operativo nazionale (PON) «Governance e capacita' istituzionale»
2014-2020, cofinanziato dal Fondo sociale europeo (FSE) e dal Fondo
europeo di sviluppo regionale (FESR), a titolarita' dell'Agenzia per
la coesione territoriale, e successive modifiche;
Visto il regolamento (UE) n. 2016/679 del Parlamento europeo e del
Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone
fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonche' alla
libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva
n. 95/46/CE;
Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante
«Codice in materia di protezione dei dati personali, recante
disposizioni per l'adeguamento dell'ordinamento nazionale al
regolamento (UE) n. 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio,
del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche
con riguardo al trattamento dei dati personali, nonche' alla libera
circolazione di tali dati e che abroga la direttiva n. 95/46/CE», e
successive modifiche e integrazioni;
Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante «Codice
dell'amministrazione digitale» e successive modifiche e integrazioni;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 19
giugno 2019, n. 93, recante il «Regolamento di organizzazione del
Ministero dello sviluppo economico», pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 195 del 21 agosto 2019;
Visto il decreto del Ministero dello sviluppo economico 14 gennaio
2020, recante «Individuazione degli uffici dirigenziali di livello
non generale», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana n. 61 del 9 marzo 2020;
Considerata, pertanto, la necessita' di dare attuazione alle norme
precitate di cui ai decreti- legge n. 34 del 2019 e n. 76 del 2020;

Decreta:

Art. 1

Definizioni

1. Ai fini del presente decreto sono adottate le seguenti
definizioni:
a) «Ministero»: il Ministero dello sviluppo economico;
b) «piattaforma incentivi.gov»: la piattaforma online
incentivi.gov.it istituita presso il Ministero dall'art. 18-ter del
decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, convertito, con modificazioni,
dalla legge 28 giugno 2019, n. 58, come disciplinata dalle successive
modifiche di cui all'art. 39-bis al decreto-legge 16 luglio 2020, n.
76, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 settembre 2020, n.
120;
c) «Registro nazionale aiuti»: il Registro nazionale degli aiuti
di Stato di cui all'art. 52, comma 1, della legge 24 dicembre 2012,
n. 234;
d) sistema CMS (content management system): sistema redazionale
per la gestione e valorizzazione dei contenuti oggetto di
pubblicazione nella piattaforma incentivi.gov

 
Art. 2

Ambito di applicazione e finalita'

1. Il presente decreto disciplina i criteri per lo sviluppo e il
funzionamento della piattaforma incentivi.gov in attuazione dell'art.
18-ter, comma 6, del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, e dell'art.
39-bis, comma 2, del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, come
convertiti, rispettivamente, dalla legge 28 giugno 2019, n. 58 e
dalla legge 11 settembre 2020, n. 120, al fine di realizzare gli
obiettivi previsti dal citato art. 18-ter di promozione della
conoscenza e di orientamento dei soggetti beneficiari rispetto agli
interventi di sostegno al sistema economico e produttivo adottati dal
Ministero e dalle altre amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1,
comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
2. Per le finalita' di cui al comma 1, il presente decreto
definisce, altresi', le disposizioni organizzative necessarie per
l'attuazione dell'iniziativa.

 
Art. 3

Risorse finanziarie disponibili

1. Per la realizzazione e il funzionamento della piattaforma
incentivi.gov sono disponibili, in sede di prima applicazione, le
risorse finanziarie stanziate dall'art. 18-ter, comma 3, del
decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, per un ammontare massimo di 2    FONDI STANZIATI: 2 MLN
milioni di euro, a valere sui fondi del programma operativo nazionale
«Governance e capacita' istituzionale» 2014-2020.

 
Art. 4

Contenuti e funzionalita' della piattaforma incentivi.gov

1. La piattaforma incentivi.gov contiene informazioni sugli
interventi di sostegno al sistema economico e produttivo, intesi come
misure, attivate con bandi, avvisi, istruzioni, chiamate per
manifestazione di interesse o altri provvedimenti comunque
denominati, che prevedono agevolazioni, sotto qualsiasi forma,
riconosciute ai soggetti che svolgono attivita' economiche, da parte
di amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1, comma 2, del decreto
legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e di altri soggetti pubblici o
privati, a valere su risorse pubbliche.
2. L'organizzazione dei contenuti della piattaforma incentivi.gov
e' improntata a favorire la conoscenza degli interventi previsti al
comma 1 e l'individuazione, da parte dei potenziali beneficiari, di
quelli piu' idonei alle particolari esigenze di sostegno, anche
attraverso applicazione di soluzioni tecnologiche basate   SONO PREVISTE SOLUZIONI TECNOLOGICHE BASATE SULL'INTELLIGENZA ARTIFICIALE
sull'intelligenza artificiale. Ai predetti fini, i contenuti sono
classificati e catalogati in modo da favorire, attraverso specifiche
funzionalita' attivate da parte dell'utente, la personalizzazione
della ricerca e l'incontro fra la domanda e l'offerta di strumenti di
sostegno, valorizzando l'offerta delle misure disponibili in
relazione a profili di potenziali beneficiari.
3. Per consentire le funzionalita' della piattaforma, in relazione
agli interventi di competenza del Ministero, e' resa disponibile una
scheda informativa, contenente un insieme minimo di informazioni,
comprensivo, tra l'altro, dei dati relativi alla base giuridica, agli
uffici di riferimento, al periodo temporale di attivita' della misura
e alla tipologia di procedura utilizzata. La predetta scheda e'
generata e pubblicata nella piattaforma a partire dai dati inseriti
nel Registro nazionale aiuti e integrata dei necessari elementi
illustrativi, di classificazione e catalogazione, elaborati dalle
direzioni del Ministero competenti per gli interventi interessati
tramite il sistema CMS, utilizzato per la gestione dei contenuti
oggetto di pubblicazione.
4. Le schede di cui al comma 3 sono generate anche con riferimento
agli interventi di competenza di amministrazioni pubbliche e soggetti
diversi dal Ministero, che, previo accreditamento, possono integrare
le informazioni fornite dal Registro nazionale aiuti, attraverso il
sistema CMS, analogamente a quanto previsto per gli interventi di
competenza del Ministero.
5. Per la generazione delle schede informative, e' assicurata
l'interoperabilita' della piattaforma con il Registro nazionale
aiuti. Per gli interventi che non rientrano nel perimetro di
competenza del Registro nazionale aiuti, la scheda informativa e'
inserita dalle amministrazioni e dai soggetti competenti, su apposita
sezione complementare al Registro nazionale aiuti che riutilizza il
modello operativo di funzionamento e di accredito gia' previsto dallo
stesso.
6. Con successivo decreto del direttore generale per gli incentivi   CI SARA' UN ULTERIORE DECRETO CON I DETTAGLI DEL SISTEMA
alle imprese del Ministero sono definite le disposizioni specifiche e
tecniche per l'implementazione e l'organizzazione dei contenuti della
piattaforma incentivi.gov secondo i criteri previsti dal presente
articolo, ivi inclusi la determinazione dei criteri classificatori e
dell'insieme minimo di informazioni presenti nella scheda di cui al
comma 3, le modalita' operative per abilitare i flussi di
alimentazione delle informazioni presenti nella piattaforma da parte
dei sistemi indicati al comma 5, le funzionalita' offerte dalla
piattaforma, nonche' i protocolli per l'accesso e l'accreditamento
dei soggetti di cui all'art. 5, nel rispetto delle disposizioni in
materia di trattamento dei dati personali di cui al regolamento (UE)
n. 2016/679 e al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

 
Art. 5

Accesso alle informazioni

1. La piattaforma incentivi.gov e' realizzata in formato aperto,
secondo quanto previsto dall'art. 1, comma 1, lettera l-bis) del
codice dell'amministrazione digitale di cui al decreto legislativo 7
marzo 2005, n. 82.
2. L'accesso alla piattaforma incentivi.gov puo' essere effettuato:
a) per finalita' di consultazione;
b) per l'acquisizione dalla piattaforma di servizi di
informazione personalizzati, attraverso le funzionalita' disponibili   SONO PREVISTI SERVIZI DI INFORMAZIONE PERSONALIZZATI
nella stessa piattaforma;
c) per l'immissione e l'aggiornamento dei dati contenuti nelle
schede informative.
3. L'accesso per finalita' di consultazione di cui alla lettera a)       E' APERTO A TUTTI
e' assicurato a chiunque, senza restrizioni e senza necessita' di
identificazione e autenticazione.
4. L'utilizzo dei servizi di informazione personalizzati alla b),
operato in via facoltativa, esplicita e volontaria da chiunque vi
abbia interesse, e' subordinato alla previa registrazione dell'utente
nella piattaforma.
5. L'immissione e l'aggiornamento dei dati di cui alla lettera c)
e' operato sulla base delle informazioni elaborate tramite sistema
CMS da parte dei soggetti incaricati dalle amministrazioni competenti
per gli interventi agevolativi. L'utilizzo del sistema CMS per tali
finalita' e' consentito previa identificazione e autenticazione
dell'operatore gia' accreditato. Le credenziali sono rilasciate
all'amministrazione competente, sulla base delle disposizioni
operative definite dal decreto previsto dall'art. 4, comma 6.

 
Art. 6

Uffici competenti

1. Le attivita' di progettazione, sviluppo e gestione della
piattaforma incentivi.gov e del sistema CMS, nonche' il rilascio
delle credenziali per l'accesso al sistema CSM e la definizione dei
contenuti e dei servizi offerti dalla piattaforma sono curasti dalla
Direzione generale per gli incentivi alle imprese del Ministero, che   RESPONSABILE DEL SITO:
si avvale, per le predette attivita', dell'Agenzia nazionale per                        DIREZIONE GENERALE PER GLI INCETIVI ALLE IMPRESE DEL MINISTERO 
l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.a. -                       Collaborerà anche Invitalia
Invitalia, in qualita' di soggetto attuatore dell'iniziativa
nell'ambito del programma operativo nazionale «Governance e capacita'
istituzionale» 2014-2020. Invitalia fornisce, altresi', assistenza
per la messa a punto, in conformita' con le disposizioni operative
definite ai sensi dell'art. 4, dei protocolli per l'interoperabilita'
con il sistema informativo del Registro nazionale aiuti nonche' per
assicurare, in sede di prima applicazione, la presenza di adeguate
figure professionali ritenute necessarie e funzionali all'attivita'
redazionale per l'alimentazione del sistema CMS.
Il presente decreto sara' trasmesso ai competenti organi di
controllo e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 30 settembre 2021

Il Ministro: Giorgetti

Registrato alla Corte dei conti il 22 dicembre 2021
Ufficio di controllo sugli atti del Ministero dello sviluppo
economico, del Ministero delle politiche agricole alimentari e
forestali e del turismo, reg. n. 1073