12/11/2020 - Regione Marche Emergenza Covid: nuovo bando, domande a partire dal 12/11/2020

Scadenzario

LINK CON LA NORMATIVA

BANDO

L.R. 3 giugno 2020 N. 20 “Misure straordinarie ed urgenti connesse all’emergenza
epidemiologica da Covid 19 per la ripartenza delle Marche”
L.R. 17 luglio 2018, N. 25 “Impresa 4.0: Innovazione, ricerca e formazione”

 

OBBIETTIVI

Con l’intervento di cui al presente bando, la Regione Marche intende supportare il potenziamento e l’attrazione di investimenti produttivi innovativi, anche esteri, di PMI e di Grandi Imprese, in grado di generare nuova occupazione, al fine di facilitare la fase di uscita dalla crisi socioeconomica che ha investito il territorio marchigiano, a causa dell’emergenza Covid-19.

L’intervento si articola nelle seguenti tipologie di attività progettuali, finalizzate a:
a) creazione di una nuova unità produttiva;
b) ampliamento di una unità produttiva di proprietà;
c) acquisto, recupero e riqualificazione di una unità produttiva esistente, chiusa;
d) attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale;
e) formazione del personale dipendente;
f) sostenibilità ambientale, in termini di miglioramento dell’efficienza energetica nei processi produttivi e negli edifici e riciclo e riutilizzo dei rifiuti

DESTINATARI: PMI e Grandi Imprese

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Lo sportello sarà aperto a partire dal 12 novembre 2020 ore 10:00 e fino ad esaurimento delle risorse e al massimo entro, e non oltre il 20 novembre 2020 ore 12:00.

FONDI STANZIATI: € 1.300.000,00

FINALITA'
Il programma di investimenti da proporre dovrà obbligatoriamente riguardare una, o più, delle suddette tipologie a), b), c), e potrà prevedere, un mix di interventi riconducibili ad ulteriori campi di applicazione delle seguenti categorie di aiuto ex Reg. UE 651/2014:
d) Aiuti a favore della ricerca industriale e sviluppo sperimentale, rivolti a introdurre sul mercato nuovi prodotti o servizi, o adottare nuove tecnologie produttive che prevedano nuovi investimenti e ampliamenti produttivi (art. 25 Reg. UE 651/2014);
e) Aiuti alla formazione per neoassunti e/o riqualificazione del personale (art. 31 Reg. UE 651/2014);
f) Aiuti per la tutela dell’ambiente per interventi finalizzati all’efficienza energetica (art. 38 Reg. UE 651/2014) e per il riciclo e riutilizzazione di rifiuti, oltre lo stato dell’arte (art. 47 Reg. UE 651/2014).

RICADUTE OCCUPAZIONALI OBBLIGATORIE
Il programma dovrà, altresì, garantire una ricaduta occupazionale, presso la sede oggetto dell’insediamento, ampliamento, o recupero, di almeno:
✓ 20 lavoratori assunti dall’impresa a tempo indeterminato full-time10 , ridotti al 50%, in uno dei seguenti casi:
• assunzione di laureati in discipline tecnico-scientifiche STEM almeno pari al 60%11;
• progetti di “economia circolare” 12 , così come valutati dalla Commissione di Valutazione13;

SPESE AMMESSE (sintesi)
1. Suolo aziendale
2. Opere murarie e impianti
3. Macchinari impianti e attrezzature
4. Spese tecnica
5. Personale impegnato nell'attività di R&S
6. Consulenze tecniche per R&S
7. Formazione

REGIME DI AIUTO: Temporary Framework (non è quindi in de minimis)

SPESA MINIMA: € 500.000,00
PERCENTUALE AGEVOLAZIONE: 50%
CONTRIBUTO MASSIMO: € 800.000,00

DOMANDE SOLO A PREVENTIVO

CRITERI DI VALUTAZIONE
Non ci sarà una graduatoria, le domande verranno valutate in ordine di presentazione.
Saranno ammesse le domande che hanno un punteggio minimo di 70/100.
Termine per la realizzazione dell'investimento: 24 mesi.