28/09/2018 - Sisma: al via la legge 181/1989. Domande dal 10 maggio al 9 luglio 2018 (Regione Marche - Comunicato Stampa)

Bandi chiusi

La domanda è stata prorogata al 28/9/2018

Chiusura sportello: 28 settembre 2018 ore 12.00 (termine prorogato con circolare direttoriale MISE del 06 luglio 2018)

LINK REGIONE MARCHE

 

LA CIRCOLARE DELLO STUDIO

 

LINK  INVITALIA

 

LINK NORMATIVA

 

 

BORA: “LE RISORSE FAVORIRANNO LA RIPRESA ECONOMICA E PRODUTTIVA”

 

Il ministero dello Sviluppo Economico (Mise) ha pubblicato la circolare per il rilancio imprenditoriale delle aree del cratere sismico.

I territori devastati dal terremoto che ha colpito Marche, Abruzzo, Lazio e Umbria hanno a disposizione 48 milioni di euro, di cui 29,7 destinati alle imprese marchigiane. I fondi sono quelli stanziati dall'Accordo di programma tra Mise, Invitalia e Regioni.

Le domande di finanziamento vanno presentate a Invitalia (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo dell’impresa), tramite il sito istituzionale www.invitalia.it – sezione dedicata alla legge 181/1989.

Le richieste dovranno pervenire dal 10 maggio al 9 luglio 2018. “Le risorse disponibili favoriranno il rilancio delle attività imprenditoriali nelle zone del sisma, la salvaguardia occupazionale, gli investimenti sul territorio - commenta l’assessora alle Attività Produttive, Manuela Bora - L’obiettivo è quello di rafforzare il tessuto produttivo locale e di attrarre nuovi investimenti.

Insieme alla ricostruzione urbanistica dei comuni, al ripristino delle infrastrutture e alla rinascita sociale delle comunità, abbiamo a disposizione anche le risorse per ripartire sul fronte economico e produttivo, garantendo una ricostruzione che ripristini e migliori le opportunità esistenti”.

Le iniziative imprenditoriali finanziate dovranno prevedere la realizzazione di investimenti produttivi e per la tutela ambientale, eventualmente completati con progetti di innovazione organizzativa. I programmi occupazionali assicureranno il mantenimento o l’incremento dei livelli esistenti in azienda all'atto della presentazione della domanda.

Gli investimenti ammissibili non potranno essere inferiori a 1,5 milioni di euro. Tra i settori finanziati spiccano quello manifatturiero, servizi, turismo, commercio e telecomunicazioni, oltre a diversi segmenti del comparto ambientale.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (Legge 181 Circolare Rev 16 aprile 2018.pdf)La circolare dello Studio 203 Kb